Magazine di informazione e opinione sull' Appenino Tosco-Emiliano
La casa in montagna: un affare da cogliere al volo.

"Quelle mattine sul finire dell'autunno sempre uguali e sempre nuove: le vette lontane con la neve e il sole, il bosco freddo e in ombra, la valle in basso con i pascoli coperti di brina lucente, i larici gialli e contorti sulle rupi, lo scagnare dei segugi lontani e il canto frettoloso e breve degli uccelli di passo, il fumo della sigaretta e tutto il resto con lui lì in quel posto. E lui più padrone di tutti i padroni del mondo messi insieme; che nessuno comandava e neanche lui, ma ogni cosa era più sua di ogni altro perché la terra, l'aria, l'acqua non hanno padroni ma sono di tutti gli uomini o meglio di chi sa farsi terra, aria, acqua e sentirsi parte di tutto il creato. Per questo era anche tornato, per questo sarebbe ritornato ancora e sempre e sarebbe vissuto così sino a che la terra lo avrebbe chiamato...". A scrivere queste righe fu Mario Rigoni Stern. Uno che la montagna l'aveva non solo capita, ma anche amata.


L'incanto della montagna: un incanto più semplice da evocare di quanto si pensi. Per uscire dalla poesia e per entrare nella prosa concreta, fatta di numeri, una casa sui crinali appenninici potrebbe rappresentare un'opportunità da cogliere al volo per vivere quest'incanto esclusivo. Il mercato immobiliare montano gode di due elementi ottimali di base: la disponibilità e la convenienza. E' sufficiente una semplice ricerca su Google per trovare un gran numero di offerte di agenzie immobiliari relative a quasi tutto il territorio appenninico pistoiese, bolognese e modenese, con prezzi alla portata di ogni tasca, più bassi mediamente del 50-60% di quelli degli immobili di pianura. Una bella partenza, certo, ma i conti della serva sulla convenienza non si fermano qui.

...un gran numero di offerte di agenzie immobiliari relative a quasi tutto il territorio appenninico pistoiese, bolognese e modenese, con prezzi alla portata di ogni tasca...


Se si vuole ricorrere ad un mutuo ipotecario per l'acquisto di una prima casa , nell'attuale congiuntura non è difficile spuntare dai vari istituti di credito tassi inferiori all'1% per i mutui a tasso variabile e abbondantemente sotto il 2% per quelli a tasso fisso. Si può quindi contare su un budget significativo per le eventuali ristrutturazioni. In montagna, si sa, l'aria condizionata la fornisce la natura, per cui ci si può concentrare sull'efficientamento energetico. Non appena sarà convertito in legge e saranno pubblicati i decreti attuativi del DL 34/2020, il cosiddetto "Decreto Rilancio", si potrà godere di un "ecobonus" del 110% in 5 anni sulle spese sostenute a partire dal 1.7.2020 per gli efficientamenti energetici.

 



Ma non solo: se la nostra proprietà oltre alla casa è composta da un appezzamento di terreno più grande di un giardino, potremo fruire anche dell'esenzione IMU prevista dalla Circolare ministeriale 9 del 14.6.1993, per i terreni agricoli ricadenti in aree montane. Infine, se siamo fortunati, possiamo aver fissato la nostra residenza in un comune che ha partecipato al bando per l'assegnazione di fondi regionali per 2,5 milioni di euro scadente il 1.8.2020, e godere dei benefici che sicuramente le Amministrazioni metteranno a disposizione dei propri cittadini. A volte gli aridi numeri possono creare l'incanto.