Magazine di informazione e opinione sull' Appenino Tosco-Emiliano

Prima o poi arriva a tutti: parliamo della voglia di allontanarsi dal caos della città, dal traffico, dai rumori di auto e camion, dalla noia e dalla routine di una vita tra i palazzi. La voglia che arriva è quella di condurre un’esistenza di maggior valore, più incentrata sulle proprie passioni, sullo stare in mezzo alla natura, in un ambiente più sano e meno stressante per se stessi e per i figli. C'è, è innegabile, un po' di spavento nell'abbandonare le comodità di una vita in città, ma sono sempre di più quelli che, anche considerando le problematiche del Covid-19 attuali e future, ci stanno seriamente pensando. A pensarci bene, è forse più spaventoso pensare di rimanere in una grande città!


In questo sito più volte vi abbiamo offerto un punto di vista diverso sul vivere la montagna tutti i giorni, non solo da turisti. Prima di tutto, con una riflessione forse banale ma importante: la “Metropoli rurale dell'Alto Reno” è per buona parte in collina e non in montagna, con caratteristiche climatiche in buona parte non troppo lontane da quelle di pianura (con un la maggior semplificazione possibile, non più di cinque gradi in meno di differenze tra l'alta collina e la pianura).

E poi, un altro buon motivo per pensare seriamente a cambiare vita e a prendere in considerazione la montagna/collina come nuovo posto dove costruire un futuro sono i prezzi delle case: anche di questo abbiamo parlato negli altri articoli, mostrandovi come con poche decine di migliaia di euro si possano acquistare appartamenti o case di dimensioni generose a prezzi di un terzo più bassi rispetto a case di pari grado in città. Comunque non serve che vi diciamo niente: basta una ricerca sui maggiori siti di compra-vendita immobiliare per farsi un'idea propria.


Non bisogna pensare alla scelta di acquistare casa in collina come un ritorno all'antico, alla “vita dei nonni”: oggi anche le aree rurali tra collina e montagna sono dotate di connessione veloci e presto saranno servite anche da quelle ultra-veloci, in modo tale da poter rimanere connessi anche a casa con i grandi centri urbani e poter lavorare in smart working. Per questo ci affascina scoprire anche a noi che scriviamo, insieme a voi, tutti i possibili risvolti di un nuovo inizio non in città, ma un po' più in alto: dove l'aria è migliore, dove il traffico è meno, dove si trova parcheggio e dove lo stress, di sicuro, è minore che tra i palazzi cittadini.