fbpx
Pixel - BannerTop - start 01.11.2021
Magazine di informazione e opinione dell' Appennino Tosco-Emiliano
ADV
Image

«Dobbiamo concentrarci sulla qualità della vita di queste zone. Altrimenti nessuno vorrà più stare su da noi. I comuni, però, da soli possono fare poco».
É una riflessione amara quella del sindaco di Sambuca Pistoiese Fabio Micheletti, alle prese con i tanti problemi amministrativi della montagna pistoiese; ultimo, in ordine temporale, la mancanza di un pediatra per le centinaia di bambini che risiedono nelle aree collinari e montane di San Marcello Piteglio, Sambuca e frazioni alte di Pistoia.


«Ho iniziato a fare il sindaco nel 1995, ho visto l'evoluzione del territorio anno dopo anno. Purtroppo è andata costantemente peggiorando. Adesso ci ritroviamo in 11mila persone, molte meno di quanto erano prima. Abbiamo un deterioramento demografico molto forte, chi è rimasto in montagna sono sostanzialmente persone di una certa età. Purtroppo molti figli di queste persone hanno scelto altre strade e sono andati verso luoghi con più servizi, con una qualità della vita più alta. Dico 'purtroppo' ma li capisco: anche mio figlio non abita in montagna. Sta in Emilia-Romagna, in un posto dove ci sono palestre, scuole, piscine e molti altri servizi che in alcune aree montane non ci sono da tempo».


E forse questo il dato più “doloroso”, in termini amministrativi, per chi ha scelto di combattere politicamente per la montagna. Di resistere.
«Non mi sento di dare torto a chi ha scelto di non stare sulla montagna pistoiese. Avremo enormi potenzialità, ma se non riusciamo nemmeno ad avere un pediatra qui vuol dire che il sistema non funziona. E il pediatra è un servizio fondamentale per una famiglia. Quando su un territorio non ci sono i presidi e servizi dovrebbe intervenire lo stato con dei correttivi, con degli incentivi, ma per ora ne abbiamo visti pochi. E mi riferisco anche alla regione Toscana. Noi amministratori comunali assistiamo impotenti a questo deterioramento e la cosa fa molto arrabbiare, per non dire di peggio».


ADV


E, purtroppo, le differenze si vedono anche a distanza di pochi chilometri. C'è, però, un confine di mezzo. Micheletti continua.
«La Regione Emilia-Romagna ha messo su bei soldoni per incentivare i giovani a comprare la prima casa nelle aree rurali, parliamo fino a 40mila euro a fondo perduto. La Toscana dovrebbe fare altrettanto perché sono risorse concrete che danno un beneficio immediato al territorio, lo fanno rivivere. Da noi i soldi vengono dati in base ai progetti. Ma se un comune come Sambuca ha solo due tecnici, come faccio a fargli seguire le problematiche quotidiane e i nuovi progetti da elaborare per reperire fondi? É impossibile! I piccoli comuni non hanno una potenza di fuoco per intercettare queste risorse, o tanto meno per metterceli di tasca propria. L'attuale sistema premia i comuni più grandi, quelli che hanno più possibilità di realizzare progetti, quelli che hanno più peso politico. E le risorse non vanno nelle aree più disagiate, dove invece servirebbero. É un circolo vizioso. Per uscirne serve l'intervento dall'alto. Noi le risorse che possiamo le portiamo a casa, lo abbiamo dimostrato, ma da sole non bastano per cambiare le cose».


Un'altra differenza lampante tra Emilia e Toscana è la qualità e i servizi sulle infrastrutture. Le due regioni condividono una ferrovia, la Porrettana, ma la situazione tra i due versanti è ben diversa.
«Un tempo le persone a Porretta raggiungevano in massa Pistoia. C'erano tanti studenti che andavano al liceo classico o alla scuola di geometri a Pistoia, quasi nessuno andava verso Bologna. E adesso? In Emilia Romagna c'è un orario dei treni cadenzato per Bologna, verso Pistoia ci sono invece pochissime corse, senza contare che Trenitalia storicamente ne ha sostituite alcune con i bus che impiegano più tempo».


E sulle risorse che, -si spera!- potrebbero arrivare dal Governo con il Pnrr, Micheletti conclude:
«Mettiamocela tutta per portare a casa queste risorse. Sappiamo però di non essere arbitri del nostro destino. Se non risolviamo la questione della qualità della vita, in un modo o in un altro, noi saremo tagliati fuori».

 

 

ADV

Primo piano

L'imprenditore agricolo Bizzarri: «Il cambiamento climatico come opportunità, ma occorre cambiare logistica». Evoluzioni, opportunità, e nuovi punti di forza delle produzioni agricole sull'Appenino.

L'imprenditore agricolo Bizzarri: «Il cambiamento climatico come opportunità, ma occorre cambiare logistica». Evoluzioni, opportunità, e nuovi punti di forza delle produzioni agricole sull'Appenino.

Economia & Lavoro 22 Novembre 2021
«La logistica è la nota dolente non della nostra azienda, ma di tutto il comparto agricolo montano. Trovare una sintesi tra tutte le aziende sarebbe...
Cambiamento climatici e prodotti tipici: il piano Coldiretti per il rilancio del settore e il Decalogo per l’agricoltura che verrà

Cambiamento climatici e prodotti tipici: il piano Coldiretti per il rilancio del settore e il Decalogo per l’agricoltura che verrà

Le Interviste di MR | AltoReno 20 Novembre 2021
Punti di forza e punti deboli della montagna. Strade, autostrade digitali e smartworking, potere attrattivo dell’ambiente montanino e dei prodotti tipici. Difficoltà derivanti dai cambiamenti...
Un faro in mezzo all'Appennino... miraggio? No, è a Gaggio Montano

Un faro in mezzo all'Appennino... miraggio? No, è a Gaggio Montano

Cultura 19 Novembre 2021
Un faro, solitamente, è usato per indicare una costa pericolosa, una scogliera, rocce appuntite e in generale tutto ciò che aiuta i marinai a rendere...
Tutto pronto per la stagione invernale 2021/2022, ma manca forza lavoro

Tutto pronto per la stagione invernale 2021/2022, ma manca forza lavoro

OnLine 18 Novembre 2021
Buona visione Intervista ad Andrea Formento, presidente di Federfuni Italia, ascoltato da Metropoli Rurali Alto Reno alla vigilia dell'inizio della stagione turistica...
Torna il dottore in montagna

Torna il dottore in montagna

L'opinione... 15 Novembre 2021
Alla fine il buon senso ha prevalso. La montagna pistoiese torna ad avere un medico di famiglia: sarà il dottore Gianmaria Brizzi, che da questo...
Ceri (G.B.C. S.r.l.): «Un capannone industriale in montagna? Costa un quinto rispetto alla piana»

Ceri (G.B.C. S.r.l.): «Un capannone industriale in montagna? Costa un quinto rispetto alla piana»

Economia & Lavoro 12 Novembre 2021
«Comprare un capannone a Campo Tizzoro non è la stessa cosa che comprarlo a Prato a Sesto Fiorentino. I costi sono sicuramente molto inferiori». Lo...
ADV