Magazine di informazione e opinione sull' Appenino Tosco-Emiliano
Image

Sarà capitato a tutti di trovarsi in collina o in montagna, diciamo sopra i 2/300 metri di quota, e di osservare verso il basso una grande, immensa distesa di nuvole stratificate ad altezza del suolo. Una visione sicuramente spettacolare, visto che dal proprio punto di osservazione si osserva un autentico “mare di nebbia” laddove fino al giorno prima c'era la pianura. Ma cos'è quel mare di nebbia che vediamo? Nebbia, appunto! O meglio: vapore acqueo che condensa nelle zone di pianura e ristagna fino a che non intervengono brezze, venti o cambiamenti di temperatura o umidità che “rimescolano” l'aria come fossero un gigantesco cucchiaio.

In parole povere: abitare in collina o in montagna significa non avere mai a che fare con lo smog.


Il problema è che, specialmente d'inverno e in autunno, questo cucchiaio a mescolare l'aria in pianura spesso non arriva per giorni, cosicché l'aria in pianura rimane stagnante, schiacciata verso il basso dall'inversione termica propria dei periodi prolungati di alta pressione. Insomma, noi in collina o montagna continueremo a vedere splendere il sole nell'aria tersa mentre in basso, sulla pianura, il mare di nebbia non farà che inspessirsi. Il problema è che quel mare di nebbia è formato anche... di smog. Lo dice la parola stessa: smog è derivante dall’accoppiamento di smoke (fumo) e fog (nebbia). Questo si forma per il ristagno nell’atmosfera delle particelle solide e dell’anidride solforosa prodotti dalla combustione.

In altre parole: inquinamento. Quella che noi vediamo dalla collina come una bellissima coltre bianca sulla bianca in realtà è una pessima cappa di inquinamento che avvolge case e persone che si trovano al suo interno. Pessima perché l'aria così composta è altamente inquinata e chi si trova in pianura non può che respirarla. Sulle nostre aree rurali è impossibile arrivare a fenomeni di smog. In primis perché non esistono fonti di anidride carbonica così forti da poter creare coltri di smog in queste aree.

E poi, se anche fosse possibile creare così tanto smog in collina e montagna, questo non potrebbe far altro che scivolare verso valle, essendo più pesante dell'area circostante. In parole povere: abitare in collina o in montagna significa non avere mai a che fare con lo smog. Un lusso non da poco, in questi tempi di industrializzazione esasperata.