fbpx
Pixel - BannerTop - start 01.11.2021
Magazine di informazione e opinione dell' Appennino Tosco-Emiliano
ADV
Image

Il rischio è che sia un nuovo “caso GKN” con centinaia di lavoratori a casa in nome del Dio Denaro. Un dramma nel dramma, perché l'azienda in questione, la SaGa Coffee di Gaggio Montano, è un punto di riferimento occupazionale per tutto l'Alto Reno e da lavoro a centinaia di persone. La SaGa Coffee, un tempo Saeco, fa parte del gruppo Evoca Spa di proprietà, a sua volta, del fondo di investimento Lone Star. Come abbiamo visto con la GKN, la dinamica è questa: una multinazionale, dopo avere usufruito del know-how dei lavoratori impiegati per qualche tempo, lo fa proprio, delocalizza dove fa più comodo e abbandona improvvisamente territorio e lavoratori.


A rischio ci sono 220 posti di lavori, tantissimi se considerati i numeri dell'ecosistema lavorativo montano. Se la chiusura venisse confermata sarebbe un evento letteralmente disastroso per l’Appennino tosco-emiliano, visto che quotidianamente l'azienda è raggiunta da personale emiliano e toscano. La situazione è estremamente rischiosa per tutti, a cominciare dalle 220 famiglie che rischiano di rimanere senza un'entrata economica importante. Di fronte alla fabbrica è in corso un presidio dei lavoratori, mentre la produzione è stata sospesa.


Anche il presidente della Regione Emilia-Romagna si è fatto sentire.
«Abbiamo chiesto tramite l'assessore Colla immediatamente l'apertura di un tavolo in Regione, ma informeremo subito il ministero dello Sviluppo economico perché questa è una questione che va portata direttamente all'attenzione del governo. Trattare le persone come numeri è ciò che in questa regione non può succedere».


ADV


Occorre dire, a Gaggio Montano come in tanti altri luoghi d'Italia, l'assenza di una vera legge anti-delocaloizzazione da carta bianca (o quasi) alle multinazionali e ai loro comportamenti talvolta a dir poco discutibili. Intanto, però, 220 persone rischiano di perdere il proprio stipendio da fine anno, senza contare la crisi “a catena” che arriverebbe dall'indotto rimasto improvvisamente senza il principale acquirente. Dalla politica arrivano le consuete richieste che si fanno in questi casi: «sgravi fiscali permanenti e infrastrutture adeguate».


Richieste un po' vuote, occorre dirlo, visto che arrivano da quella stessa politica che, oltre a proporle nei momenti di crisi, dovrebbe metterle in pratica ma che spesso non lo fa, salvo poche felici eccezioni. Monitoreremo questa vicenda con grande attenzione: ne va del destino non solo di 220 famiglie ma di buona parte dell'economia dell'area appenninica settentrionale.

ADV

Primo piano

L'imprenditore agricolo Bizzarri: «Il cambiamento climatico come opportunità, ma occorre cambiare logistica». Evoluzioni, opportunità, e nuovi punti di forza delle produzioni agricole sull'Appenino.

L'imprenditore agricolo Bizzarri: «Il cambiamento climatico come opportunità, ma occorre cambiare logistica». Evoluzioni, opportunità, e nuovi punti di forza delle produzioni agricole sull'Appenino.

Economia & Lavoro 22 Novembre 2021
«La logistica è la nota dolente non della nostra azienda, ma di tutto il comparto agricolo montano. Trovare una sintesi tra tutte le aziende sarebbe...
Cambiamento climatici e prodotti tipici: il piano Coldiretti per il rilancio del settore e il Decalogo per l’agricoltura che verrà

Cambiamento climatici e prodotti tipici: il piano Coldiretti per il rilancio del settore e il Decalogo per l’agricoltura che verrà

Le Interviste di MR | AltoReno 20 Novembre 2021
Punti di forza e punti deboli della montagna. Strade, autostrade digitali e smartworking, potere attrattivo dell’ambiente montanino e dei prodotti tipici. Difficoltà derivanti dai cambiamenti...
Un faro in mezzo all'Appennino... miraggio? No, è a Gaggio Montano

Un faro in mezzo all'Appennino... miraggio? No, è a Gaggio Montano

Cultura 19 Novembre 2021
Un faro, solitamente, è usato per indicare una costa pericolosa, una scogliera, rocce appuntite e in generale tutto ciò che aiuta i marinai a rendere...
Tutto pronto per la stagione invernale 2021/2022, ma manca forza lavoro

Tutto pronto per la stagione invernale 2021/2022, ma manca forza lavoro

OnLine 18 Novembre 2021
Buona visione Intervista ad Andrea Formento, presidente di Federfuni Italia, ascoltato da Metropoli Rurali Alto Reno alla vigilia dell'inizio della stagione turistica...
Torna il dottore in montagna

Torna il dottore in montagna

L'opinione... 15 Novembre 2021
Alla fine il buon senso ha prevalso. La montagna pistoiese torna ad avere un medico di famiglia: sarà il dottore Gianmaria Brizzi, che da questo...
Ceri (G.B.C. S.r.l.): «Un capannone industriale in montagna? Costa un quinto rispetto alla piana»

Ceri (G.B.C. S.r.l.): «Un capannone industriale in montagna? Costa un quinto rispetto alla piana»

Economia & Lavoro 12 Novembre 2021
«Comprare un capannone a Campo Tizzoro non è la stessa cosa che comprarlo a Prato a Sesto Fiorentino. I costi sono sicuramente molto inferiori». Lo...
ADV